L’estate dei Chupito si avvicina… Giornata 34

https://www.serieci.it/wp-content/uploads/2017/06/chupito.jpgL’estate dei Chupito si avvicina… Giornata 34

COME OGNI ANNO SI AVVICINA L’ESTATE E DOVREMO SORBIRCI I MOTIVETTI STAGIONALI ALLA RADIO IN ROTAZIONE MARTELLANTE, LA NUOVA BARCA DI BRIATORE, E LE SFIDE DI VIERI AI SUOI AMICI SULLA SPIAGGIA A SUON DI CHUPITO. IN UN PAIO DI CITTA’ GLI APPASSIONATI CANTICCHIANO GIA’ DA UN PO’ QUEL MOTIVETTO CHE DICE “L’ANNO PROSSIMO SO CHE GIOCHERO’ DI SABATO”. QUALI CITTA’? LAGUNA E GARGANO SONO DEGLI INDIZI MOLTO GENEROSI…

Andiamo per ordine e vediamo cos’è successo nel GIRONE A: a forza di tirare la corda la capolista Alessandria la sta per spezzare. Si è mangiata tutto il vantaggio e la Cremonese inseguitrice dapprima distante e scostante, ora si ritrova a un punto di differenza. Merito della perseveranza si, ma i grigi hanno sciupato tanti punti quanti mariti ha frullato in carriera Marina Ripa di Meana! Nell’ultimo turno in casa contro il Prato la truppa di Braglia è partita in quarta, 60 minuti di comando delle operazioni e 2 reti di margine col solito Bocalon a tirare la fuga. Poi succede che Gonzales si fa parare il rigore del possibile 3-1 dal bravo Malgrati e cala il panico, l’ansia di non riuscire a portare a casa la contesa. Tanto che a tempo scaduto su punizione da 30 metri, Tomi fulmina Vannucchi sotto la curva dei locali e fa 2-2. Gelo e tremarella si accalcano, sapendo che a Cremona Scappini l’ha messa dentro grazie al lavoro ai fianchi portato dai fidi scudieri Perrulli e Maiorino. Condotto in porto l’1-0 necessario sulla Lupa. Nel finale però la squadra di Tesser ha abbassato troppo il baricentro e rischiato oltre il dovuto. Ma si sa, quando il gioco si fa duro e la posta è pesante, il pallone scotta e diventa un macigno. Invece ad Arezzo il pallone si fa leggero e divertente nel 3-3 contro la Giana Erminio. Scrivo di due squadre che col tempo hanno preso il passo giusto ed esibendo un buon calcio(soprattutto i lombardi), si stanno mettendo in evidenza nella corsa ai playoff. Moscardelli ci ha messo nuovamente lo zampino, stavolta con un gol “normale”, e può recriminare per un mani in area non visto dall’arbitro su un suo tiro. A Pistoia nel pari 1-1 contro la Lucchese si sta mettendo in evidenza il sinistro educato e frizzante di Emanuele Rovini, punta classe 1995 proprietà Udinese sotto procura di Davide Torchia. Lo vedremo salire di categoria in estate? Il salto che non ha mai fatto ma che meriterebbe il portiere della Viterbese Antony Iannarilli, protettore del 1-1 finale a Carrara con i soliti miracoli dopo il vantaggio siglato da capitan Samuele Neglia. Nei locali si è distinto il trentenne italo-tedesco Roberto Floriano che ha letteralmente messo a ferro e fuoco la retroguardia gialloblu. Imprendibile oltre al gol. Al derby tra i due Piacenza giocato allo stadio Garilli i rossi di Arnaldo Franzini distruggono la squadra di Fulvio Pea grazie al talentuoso marsigliese Anthony Taugourdeau centrocampista arrivato a 11 gol fino ad ora, ed al puntero Niccolò Romero con movenze da bomber vero specie nel movimento di anticipo sul primo dei 2 gol siglati. A Siena il Renate di Luciano Foschi passa 0-1 con Scaccabarozzi che si conferma mattatore come all’andata e tocca quota 50 punti. Complimenti!

Nel GIRONE B il Venezia per l’ottava volta consecutiva si fa corsaro e va a prendersi 3 punti a Padova che significano +11 sul Parma inseguitore sgonfio. Falzerano conduce il contropiede e appoggia a Moreo che sigla lo 0-1 che ad Inzaghi nel dopo gara permette di incensare di elogi i suoi. E te credo dico io! Certo che con un Parma così, pieno di lanci lunghi alla “spera in Dio” e confusione, battuto dal decrepito Ancona ultimo ma non più spacciato grazie a Frediani e Del Sante. Il divertente Pordenone si è esibito nel 2-3 a Forlì(nonostante la gran punizione di Germinale), capitan Berrettoni in grande spolvero con doppietta guarnita da sforbiciata vincente. A Gubbio Daniele Ferretti strapazza il Mantova con i suoi movimenti imprendibili dalle fasce, il 3-2 finale è gran merito suo. Indubbiamente la sua migliore stagione in carriera fino ad ora. Modena e Reggiana 1-0 su Santarcangelo e Teramo. A Lumezzane il Sudtirol passa 0-1 grazie al dodicesimo gol(su 29 fatti dalla squadra) di Ettore Gliozzi, attaccante scuola Sassuolo classe 1995. Frustata di testa dal dischetto del rigore su cross dalla destra. Vale stessa previsione fatta in precedenza per Rovini. Ne riparleremo

Nel GIRONE C per una volta iniziamo dalle retrovie, con un applauso al Siracusa. Sottil & C. vevano promesso che una volta salvi si sarebbero poi divertiti, e così sta avvenendo visto che sono passati 1-2 a Cosenza. Playoff sigillati. Il Foggia a Caserta mette in mostra l’argenteria(Mazzeo e Di Piazza) allungando la serie con lo 0-3 domenicale. A Lecce dopo tempo immemore è andato in scena il derby contro il Taranto, non c’è stata storia perchè l’attacco dei giallorossi di casa era veramente troppa cosa per gli ospiti. 3-0 con Torromino-Doumbia-Caturano-Lepore a banchettare. Il Matera terzo supera la Juve Stabia 1-2 grazie ad una forma fisica ritrovata, da applausi l’azione Casoli-Negro-Carretta per lo 0-1, Carretta che al minuto 92 spilla il vantaggio finale in barba ai propri contestatori che tempo fa avevano avuto uno scontro nel merito dell’impegno e della famosa “maglia da sudare”. Vi ricordate di Reginaldo? Grazie alla sua doppietta porta la Paganese a vincere 1-2 in casa dell’Akragas e si affaccia in zona playoff a discapito del Catania. Etnei vittima del pari 1-1 a Vibo Valentia, andatevi a sentire il boato del pubblico locale al gol di Viola…a momenti viene giù la tribuna per l’entusiasmo! A Fondi gara piena di occasioni da rete, con i padroni di casa in 10 per 80 minuti e nonostante ciò è il Messina che deve ringrazia il proprio Berardi per l’1-1 finale. Derby tra Reggina e Catanzaro che vede vincitori 1-0 gli amaranto, ma avanza un gol dei giallorossi(traversa e palla dentro la riga di porta) non visto dalla terna arbitrale. In fatto di derby, per concludere, a Francavilla passa la Fidelis Andria 0-2. Lotta apertissima per la corsa ai playout, si salvi chi può!

Tante pallonate a tutti!

Condividi su:

Author Description

Claudio Del Cima

No comments yet.

Join the Conversation